La solita lista







Cosciente del fatto di non essere affatto originale, ogni trentun dicembre sono lì a menarmela su come affrontare il nuovo anno, che spero sempre porti saggezze e ricchezze che ormai dovrei aver capito essere, per dirla alla Crozza, da sogno.


Ecco comunque cosa ho in serbo per l’anno a venire:
-       - mettermi più spesso la gonna
-       - perdermi meno spesso in un bicchier d’acqua
-       - saper dire la mia senza fare sempre arrabbiare chi mi ascolta
-       - trovare un negozio a Boston dove vendono i maron glaces
-       - alzarmi prima che arrivi il pulmino di Luca tutte le mattine
-       - superare la fobia dei giardinetti
-       - far finta meglio
-       - non farmi convincere dalla mia dottoressa di smettere di fumare
-       - essere più severa coi miei figli
-       - fare del volontariato almeno una volta al mese
-       - fare, tornando dal volontariato, la manicure e la pedicure
-       - sparlar meno
-       - essere meno malinconica
-       - andare in menopausa
-       - scrivere di più
-       - andare a trovare Paula a Toronto
-       - essere una zia più presente
-       - chiamare mia madre solo una volta la giorno, e non due o tre, che le     interrompo il suo un posto al sole
-       - trovare un amico per Luca
-       - trovare della buona musica
-       - imparare a cucinare più cose vegetariane
-       - smetterla di sperare di ritornare a vivere a New York
-       - andare di più in bici
-       - sentirmi meno in colpa
-       - leggere di più e meglio
-       - apprezzare la pazienza di Dan
-       - guardare più tele
-       - imparare a fare a maglia le calze
-       - mantenere i segreti
-       - mangiare meno cioccolato (questa sarà impossibile)
-       - riuscire ancora a stupirmi della gente di merda
-       - non ammazzare le piante del mio giardino di Becket
-       - non pensare sempre a mio padre
-       - non essere ipocondriaca
-       - farmi invitare più spesso a cena a casa di amici
-       - riuscire a passare davanti allo stand del supermercato con tutti i biscottini che avranno due chili di burro l’uno e non comprarne neanche uno
-       - apprezzare chi crede in Dio
-       - non apprezzare chi non è capace di accettare le diversità
-       - smetterla di piangere per un cazzo
-       - dire meno parolacce
-       - saper aggiustare una presa
-       - andare più spesso a Milano
-       - avere più pazienza
-       - apprezzare un bel piatto di parmigiana
-       - cercare di parlar meno male dell’America agli americani


Insomma, mi sa che anche quest’anno combinerò ben poco, ma, poi penso: l’importante è il pensiero, e me ne vado avanti bella paciarotta.

Nessun commento:

Posta un commento