E io piango








Dopo mesi e mesi di ricerche, di discussioni, di decisioni, di documenti da compilare, di pianti, di ansie, di attese oggi abbiamo avuto la bella notizia: Sofia è stata accettata allo Smith College.

E io piango.

Piango perché essere accettati a un college come Smith College non è da tutti e dire che sono fiera di lei non basta a rendere l'idea di quello che sto provando. Ho il cuore di sei misure più grande di quello che dovrebbe essere. Che dico sei: dodicimila!

Piango perché Sofia non è cresciuta in una famiglia facile: le attenzioni non sono state date equamente a tutti e tre i miei figli. Ma lei è comunque andata avanti per la sua strada, ha camminato con le sue gambe lunghe lunghe e magre magre e è arrivata dove voleva arrivare: ha studiato, si è circondata da persone che l'hanno ispirata e incoraggiata, ed è diventata una persona bella e intelligente, e non ha mai per un attimo pensato di fare la vittima.

Piango perché Smith College è dove avevo insegnato io, per un anno, quando ero incinta di Luca, e per me ha un valore affettivo immenso.

Piango perché Smith College è a Northampton, dove ci siamo conosciuti io e Dan tanti anni fa. È dove è nato Luca. È dove abitano i nostri più cari amici al mondo. È un cerchio che si chiude, in un certo senso. Anche un cerchio nuovo che si è appena aperto.

Piango perché Sofia è diventata grande ed è pronta per spiccare il volo, e la cosa mi riempie di gioia e di emozioni che non avevo ancora mai provato prima.

Piango perché poi quando a settembre va via, mi mancherà come l'aria.

Piango perché non è facile crescere una figlia femmina, insegnarle a essere sempre forte, a non mollare mai, che la dignità e il rispetto prima di tutto. Farle capire, ma mai accettare, il fatto che se è donna alcune cose saranno difficili da raggiungere, e che anche se deve lottare, non deve smettere mai di sognare. Mai.

Piango perché Sofia diventerà una donna straordinaria, e la cosa mi commuove moltissimo.

Piango perché Sofia mi manda ogni giorno lo stesso messaggio: "Mommy, Il love you SO SO much", il ché significa che forse in questi diciassette anni ho fatto qualcosa di giusto.

Piango perché malgrado tutte le immense difficoltà che abbiamo dovuto affrontare, noi cinque - io, Dan, Luca, Sofia e Emma - siamo riusciti a creare un nucleo famigliare in cui tutti ci sentiamo rispettati, amati e protetti. E forti. E infatti i risultati si vedono.

Piango perché io, comunque, piango.



(nella foto: Sofia a roller derby)









2 commenti:

  1. Complimenti Sofia!!
    E complimenti anche a voi!! 😊
    Dev'essere dura lasciarla andare..

    RispondiElimina
  2. Ho due figlie femmine. Gemelle. E piango, sempre. Anche io

    RispondiElimina