Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

tran tran ma senza il tram

  “Ma come, eri qui due mesi fa!”   È la frase che mi sono sentita dire dalla panettiera di via Lomellina, che mi conosce da quando avevo sei anni. In effetti, c’ho quasi preso gusto a venire a Milano spesso. Sono venuta a trovare mia mamma, che avevo lasciato un po’ giù ad aprile e che adesso invece è rifiorita ed è tornata la solita Cianciulli di sempre (o Cianci, come la chiamiamo noi in famiglia).   Sono rientrata senza dover fare troppi sforzi nella mia routine solita di quando sono qui: la mattina si sta a casa a fare un po’ di mestieri, poi verso le dieci arriva Milena (mia zia, che odia essere chiamata zia) e si fuma una sigaretta insieme, a volte si beve un secondo caffè.  Dopo Abatantuono, Milena è la persona che mi fa più ridere in assoluto e non solo perché si arrabbia con mia mamma quando dice Santa Pace (“devi dire cazzo!”), ma per come usa iperboli divertentissime per raccontare piccole cose che le succedono. Una delle più belle che mi ha raccontato ultimamente è di quan

Ultimi post

Sensi di colpa ne abbiamo?

Solitudine, quella sconosciuta

No dai, non chiedermi di Luca

And then, a hug

Ne fa 55 il 5.5, ovvero, è il compleanno di Dan

Dieci ricordi per dieci canzoni - Gino Cervi

Autismo, questo sconosciuto

Dieci ricordi per dieci canzoni - Claudio Sanfilippo